5^giornata, Brescia-Milano 1-12

gol neto
(Neto festeggia il suo primo gol con il connazionale Eudin, autore dell’assist)

Tutto facile per il Milano B.S. nella quinta giornata di campionato del Girone A, la prima di questo fine settimana marchigiano a San Benedetto del Tronto dopo la sospensione di ieri per maltempo: la squadra di Cataldo, nonostante le assenze dei due gemelli Martins e di Andrea Chiodi squalificato, ha regolato il fanalino di coda Brescia con un netto 12-1 in un pomeriggio molto ventoso ma almeno privo della pioggia del giorno precedente. Buone le prove dei tre debuttanti schierati dal mister rossonero: il portiere Catena, impiegato per metà gara, il brasiliano Neto, autore di un gol, e il difensore Ivan Gibbin, doppietta all’attivo.

Il derby lombardo (il secondo della storia dopo quello del 2006 giocato contro la Real Erbese, poi diventata Cervia B.S. dall’anno successivo) si mette subito in discesa per i rossoneri grazie a due conclusioni dalla distanza col destro di Eudin nel giro di due soli minuti che regalano a Milano il doppio vantaggio. Al 4′ Tinaglia, appena entrato in campo, sfrutta l’assist di un compagno per beffare Gambardella anche con la complicità di un difensore avversario. La gara è a senso unico, Brescia raramente riesce ad impensierire Mancuso se non con una conclusione improvvisa dello stesso portiere Gambardella che si stampa sulla traversa. A metà tempo arriva il lampo del debuttante Neto, scambio tutto brasiliano con Eudin e destro preciso e forte all’angolo alla sinistra del portiere, è il gol del 4-0. Nemmeno un minuto e arriva la perla di Andrea Ceriani: il numero 8 rossonero controlla al volo al limite dell’area e con una splendida e potente rovesciata strappa applausi a tutti i presenti. Brescia avrebbe su rigore la possibilità di accorciare le distanze, il fallo di mano di Gibbin è netto, dal punto di battuta si presenta l’attaccante Pertica ma il suo destro viene respinto da Mancuso. Dal possibile 1-5 arriva invece il sesto centro milanese poco prima dello scadere, grazie ad un calcio piazzato trasformato da Maiorano.

Alla ripresa del gioco fra i pali debutta Fabio Catena, sicuro negli interventi in porta e preciso nel lanciare i compagni considerando la sua ancor poca esperienza sulla sabbia. I ritmi nel secondo tempo sono più blandi visto il risultato, ma le occasioni per Milano non mancano, ci prova soprattutto Campolongo schierato in attacco, viste le assenze dei Martins, come alternativa a Maiorano. Per rivedere un altro gol però devono passare sei minuti: Tinaglia in pressing ruba palla al limite dell’area ad un difensore, salta Gambardella in dribbling e deposita in rete a porta sguarnita per la sua doppietta personale. Il numero uno bresciano salva più volte la sua porta ma al decimo minuto deve arrendersi ancora, stavolta è Gibbin a superarlo con un diagonale destro dopo una pregevole azione personale sulla corsia di destra: anche lui come per Neto esordio e primo gol in Serie A. Sull’8-0 si chiude il secondo tempo, porta rossonera ancora inviolata grazie a Catena bravissimo ad allungarsi sul destro ravvicinato di Nelson dopo un mancato fischio arbitrale per un intervento su Neto.

Il risultato è ormai in ghiaccio, ma Milano continua a macinare azioni anche nell’ultimo periodo. Un giro di lancette e Maiorano si esibisce in una spettacolare rovesciata che si infila all’angolino alla destra del portiere avversario. A metà tempo arriva un altro calcio di rigore per il Brescia, stavolta il fallo di mano è di Tinaglia, meno evidente a dire il vero, e dai 9 metri si presenta Nelson: Mancuso tocca il pallone col piede ma non riesce ad evitare il gol della bandiera. Nemmeno il tempo di esultare che Ceriani su schema da calcio di avvio trova la sua doppietta personale con un’altra pregevole girata al volo. A fissare il risultato sul 12-1 ci pensano ancora Gibbin, seconda azione di forza sulla fascia e preciso diagonale, e Maiorano che chiude con un calcio piazzato da appena fuori l’area a soli due secondi dal suono della sirena. Milano sale a quota sei punti in tre partite giocate, e domani sfida al Livorno, in campo alle ore 16.45.

milano-brescia